martedì 16 aprile 2013

Operazione ‘Dimenticare il Caimano’

Operazione ‘Dimenticare il Caimano’:
repubblica9
stampa11messaggero10Schermata 04-2456395 alle 09.46.14
E’ partita a reti unificate la grande operazione ‘Dimenticare il Caimano’.
In nome della ‘responsabilità’, delle imprese che chiudono, delle partite Iva alla fame, dei debiti non pagati dalle pubbliche amministrazioni, delle aste dei Bot prossime venture, e chi più ne ha più ne metta.
Ci stanno spiegando – tutti o quasi – che solo il ‘dialogo fra le forze responsabili’ –  può risolvere queste emergenze: il particolare che le emergenze in questione siano state create proprio da queste forze ‘responsabili’ viene ovviamente tralasciato.
Quindi, dimenticate il Caimano: i suoi processi, le sue illegalità, la sua cricca di farabutti, la sua impresentabilità, la sua tendenza all’eversione, le sue leggi ad personam, le sue mirabolanti promesse mai realizzate, i suoi insulti ai giudici o alla ‘Consulta comunista’, le sue barzellette anni Cinquanta, le sue Santanchè, i suoi La Russa, i suoi Verdini, i suoi Capezzone, le sue nipoti di Mubarak.
Dimenticare tutto, subito: stamattina la radio di Confindustria paragonava il dialogo tra Pd e Pdl alla grosse koalition «che ha rilanciato l’economia tedesca», oggi sul ‘Corriere’ Antonio Polito ci spiega che il Pd deve «elaborare il lutto della vittoria mutilata» e piantarla con l’idea di fare da solo, sulla Stampa Luca Ricolfi tesse ‘l’elogio dell’inciucio’, sul ‘Messaggero’ l’editoriale si intitola ‘Larghe intese necessarie anche al tavolo del governo’ – e l’altro giorno (ancora sul Corriere) un grottesco Aldo Cazzullo rimproverava gli elettori delle primarie piddine che scelgono il candidato di sinistra.
Dimenticare tutto, subito: che giovedì si elegge il nuovo Presidente insieme. Ma quale Caimano, mai stato il Caimano. Ora Berlusconi è il leader del centrodestra moderato e rilascia interviste gentili anche a Repubblica, in cui spiega pacatamente che «all’amnistia non ci pensa, anzi non ne ha mai sentito nemmeno parlare», e «l’urgenza è l’economia», quindi «bisogna trovare un accordo» e «va bene un Pd per il Colle».
Sarà la quarta o la quinta volta, in vent’anni di berlusconismo, che il Cavaliere ridiventa affidabile, generoso, disinteressato, avveduto, bipartisan.
Di solito gli capita – casualmente, s’intende – quando perde le elezioni, quando rischia di restare fuori dai giochi, quando ha bisogno di una sponda con quelli che fino a un mese prima insultava. E ovviamente quando i suoi processi si mettono male, quando le sue tivù hanno bisogno di alleanze.
E quelli, ogni volta, ci cascano: i suoi ‘non sono voti di serie B’, per carità, e ‘basta con la logica del nemico da abbattere‘.
Ci cascano, ancora una volta, senza capire che questa è davvero l’ultima: non per il Caimano, ma per loro.

Nessun commento:

Posta un commento